viernes, junio 21

I numeri strabilianti che guidano il mercato azionario

L’ultimo grande test dell’anno per gli investitori arriverà venerdì con la pubblicazione alle 8:30 a est del rapporto sulle spese per consumi personali, l’indicatore di inflazione preferito dalla Fed.

È stato un anno eccezionale per i mercati. Gli investitori si sono scrollati di dosso l’elevata inflazione e l’aumento dei tassi di interesse, facendo salire l’indice S&P 500 di oltre il 23% alla chiusura di giovedì.

Può andare avanti? Ecco alcuni altri grandi numeri dell’anno scorso e cosa verrà:

3,3%: Secondo Reuters, gli operatori di mercato si aspettano che il valore di venerdì dell’indice PCE, che esclude cibo e carburante, sia aumentato del 3,3% su base annua. Ciò rappresenterebbe un discreto miglioramento rispetto al dato del mese scorso e darebbe alla Fed maggiore flessibilità per abbassare i tassi di interesse il prossimo anno.

152: La discussione sui tagli dei tassi è diventata globale, anche se la Fed è una delle poche grandi banche centrali a parlare apertamente della prospettiva. Michael Hartnett, uno stratega degli investimenti presso la Bank of America, prevede un taglio dei tassi d’oro: 152 in tutto. Sarà il primo anno dal 2020 in cui “i tagli supereranno gli aumenti dei tassi”, ha scritto in una nota per gli investitori la scorsa settimana. BofA prevede inoltre che la Fed taglierà il tasso sui prestiti prime di 1,5 punti percentuali il prossimo anno.

75%: I tagli dei tassi sono in genere una buona notizia per gli investitori tecnologici. I minori oneri finanziari hanno avuto la tendenza a liberare la spesa delle famiglie e delle aziende, un possibile vantaggio per i profitti delle Big Tech. Tale entusiasmo è forse meglio visibile nella performance dei cosiddetti Magnifici Sette, un gruppo di aziende tecnologiche che hanno guidato un rally alimentato dall’intelligenza artificiale per gran parte dell’anno.

I titoli – Alphabet, Amazon, Apple, Meta, Microsoft, Nvidia e Tesla – sono saliti del 75% quest’anno, a partire dalla scorsa settimana, e ora rappresentano circa il 30% del valore ponderato dell’indice. Le altre 493 aziende? Come gruppo, stanno sottoperformando l’indice S&P 500.

162%: Bitcoin sembra un contendente in fuga per il campione del mercato 2023. Venerdì mattina la valuta digitale è cresciuta del 162%, anche se i regolatori su entrambe le sponde dell’Atlantico stanno reprimendo i più grandi nomi del settore cripto.

Il presidente Biden chiede un “serio esame” dell’accordo statunitense sull’acciaio. Lael Brainard, consigliere economico nazionale di Biden, ha dichiarato giovedì che la prevista acquisizione da 14 miliardi di dollari di Nippon Steel dovrebbe essere rivista per affrontare potenziali problemi di sicurezza nazionale e di catena di approvvigionamento.

L’amministrazione Biden inserirà nella lista nera le banche che finanziano la macchina da guerra russa. Un ordine esecutivo che sarà emesso venerdì consentirà agli Stati Uniti di imporre sanzioni alle istituzioni finanziarie che aiutano la Russia a garantire attrezzature e materiali da utilizzare nella sua lotta contro l’Ucraina. Le misure cercherebbero di escludere le aziende che infrangono le regole dal sistema finanziario americano e arrivano mentre i repubblicani del Congresso ostacolano gli sforzi per aumentare i finanziamenti per l’esercito ucraino.

Rudy Giuliani chiede protezione dalla bancarotta. L’ex sindaco di New York ha fatto la mossa il giorno dopo che un giudice federale gli ha ordinato di pagare 148 milioni di dollari di danni a due operatori elettorali della Georgia per averli falsamente accusati di manomissione delle schede elettorali nelle elezioni del 2020. L’archiviazione offre a Giuliani, che deve affrontare milioni di potenziali danni in altre cause legali, un mezzo per sospendere i pagamenti mentre considera un appello.

Le azioni Nike crollano a causa delle prospettive deboli. Le azioni del colosso dell’abbigliamento sportivo sono scese di oltre il 10% nelle negoziazioni pre-mercato, un giorno dopo che la società ha annunciato tagli dei costi per 2 miliardi di dollari e ha avvertito di un rallentamento delle vendite, soprattutto in Cina ed Europa. I problemi di Nike sono un altro segnale inquietante che i consumatori stanno cominciando a frenare la spesa.

I titoli tecnologici cinesi sono crollati venerdì, spazzando via 80 miliardi di dollari dalla capitalizzazione di mercato di alcune delle più grandi aziende del paese, dopo che le autorità hanno proposto un nuovo giro di vite sui giochi online.

La bozza di regole presentata venerdì suggerisce che Xi Jinping, il leader cinese, intende mantenere uno stretto controllo sulle imprese private nonostante i recenti sforzi per proiettare un’immagine più accogliente verso le imprese.

Due giganti guidarono la disfatta. Le azioni quotate a Hong Kong di Tencent, la più grande azienda del paese per capitalizzazione di mercato e un importante investitore estero (inclusa una grande partecipazione nel produttore di Fortnite, Epic Games), sono scese fino al 16%. Le azioni di NetEase sono crollate di un record del 28%.

Le autorità attribuiscono al gioco la responsabilità di una serie di mali sociali. Secondo Goldman Sachs, la Cina è il principale mercato di gioco online, con circa 650 milioni di utenti e un fatturato annuo di 45 miliardi di dollari lo scorso anno. Funzionari affermano che l’industria incoraggia la dipendenza e attribuiscono la colpa al troppo tempo trascorso online per aver causato un picco di miopia tra i bambini. Le proposte di venerdì costringerebbero le aziende a limitare la quantità di denaro e tempo che i giocatori possono trascorrere online e a bloccare i contenuti che potrebbero compromettere la sicurezza nazionale.

Xi ha cercato di calmare le preoccupazioni sul ruolo del Partito Comunista negli affari privati, dopo anni di giro di vite per garantire che le aziende sostenessero soprattutto gli obiettivi dello Stato. Pechino ha segnalato una tregua all’inizio di quest’anno, con le autorità di regolamentazione che hanno dichiarato che i “diritti legittimi” delle aziende sarebbero stati rispettati. Il mese scorso, Xi ha detto ai leader aziendali statunitensi, durante un banchetto a San Francisco, che la Cina è un mercato enorme e un amico – e ha ricevuto una standing ovation.

Ma il progetto di regole di venerdì è l’ultimo esempio di come la retorica si scontra con la realtà.


Sembra che la pressione su Claudine Gay, presidente di Harvard, sia in aumento, poiché le conseguenze sul modo in cui le università d’élite americane hanno gestito l’antisemitismo nei campus non mostrano segni di diminuzione.

Nelle ultime settimane, il miliardario Len Blavatnik, un grande donatore di Harvard, ha detto alla scuola che avrebbe smesso di donare altri soldi. È l’ultimo leader aziendale a farlo – o a minacciare di farlo – come ricco donatore di Harvard diventare sempre più scontento con la gestione della crisi da parte della scuola.

Anche il lavoro accademico del dottor Gay è sotto esame per accuse di plagio. L’università questa settimana ha affermato di aver trovato due nuovi casi di quello che sembrava essere un «linguaggio duplicato senza attribuzioni appropriate» nella sua tesi di dottorato del 1997. Le accuse di plagio vanno dall’inclusione di brevi frammenti di definizioni tecniche nel suo lavoro a riassunti leggermente parafrasati di scritti di altri studiosi senza virgolette o citazioni dirette.

I docenti di Harvard sono al fianco della dottoressa Gay, anche se altri ora chiedono apertamente che se ne vada.

La fondazione Blavatnik ha donato almeno 270 milioni di dollari ad Harvard, secondo Bloomberg. Ciò include circa 200 milioni di dollari alla facoltà di medicina di Harvard, che gli ha intitolato un istituto. In una dichiarazione, il portavoce di Blavatnik ha affermato che non riprenderà a donare “finché l’antisemitismo ad Harvard non sarà affrontato con azioni reali”.

Gli ultimi sviluppi sollevano interrogativi sulla Harvard Corporation. L’anno scorso il consiglio di amministrazione dell’isola ha assunto il dottor Gay dopo una ricerca relativamente rapida. Il consiglio pochi giorni fa ha scagionato il dottor Gay da “cattiva condotta nella ricerca”. Giovedì, alla domanda se la Harvard Corporation continuasse a sostenere il presidente, un portavoce dell’università ha fatto riferimento a una dichiarazione del 12 dicembre di sostegno unanime.


Raymond Dirks ha guadagnato una sorta di immortalità nel 1983, quando la Corte Suprema ha emesso la sua decisione nel caso Dirks v. SEC. La sentenza ha stabilito che Dirks, il controverso analista ricercatore di Wall Street, non si era impegnato in insider trading quando aveva informato i clienti dopo aver soffiato la notizia fischiare sulla Equity Funding Corp., il più grande scandalo aziendale dei suoi tempi.

Decenni di procedimenti giudiziari contro i colletti bianchi, dagli scandali di Michael Milken e Ivan Boesky degli anni ’80 alla condanna di Rajat Gupta nel 2012, poggiano sulle fondamenta di Dirks, come è noto il caso.

Dirks è morto a New York il 9 dicembre all’età di 89 anni. Un classico contrarian, con una personalità aspra da eguagliare, ha trascorso gran parte della sua vita litigando con Wall Street e gli istituti di regolamentazione, scrive James Stewart del Times.

Nato a Fort. Wayne, Indiana, Dirks è entrato a far parte del Bankers Trust dopo il college, ma irritato all’interno di una grande istituzione. Con suo fratello Lee fondò una società di ricerca dove si specializzò in titoli assicurativi. Dopo aver appreso da una fonte interna nel 1973 che gli alti dirigenti della Equity Funding stavano contraffacendo polizze assicurative e creando clienti fittizi per gonfiare le entrate e il prezzo delle azioni della società, Dirks si rivolse sia alla SEC che al Wall Street Journal. Nessuno dei due ha abboccato.

Ma molti dei clienti istituzionali di Dirks lo prendevano sul serio, scaricando le loro posizioni nel finanziamento azionario. Le conseguenti turbolenze del mercato hanno dato origine ad un articolo in prima pagina sul Wall Street Journal. Nel giro di poche settimane, la società era in amministrazione controllata e la SEC stava indagando, e i suoi alti dirigenti alla fine finirono in prigione. Adottando una linea dura nei confronti dell’insider trading, la SEC ha poi citato in giudizio Dirks.

Il suo processo ha ispirato una nuova definizione di insider trading. Lo stesso Dirks non ha scambiato azioni di Equity Funding né ha tratto profitto dalle informazioni, né lo ha fatto la sua fonte. Aveva cercato di allertare le autorità di regolamentazione e i giornalisti. Le sue azioni hanno fermato la frode e hanno salvato gli acquirenti di polizze di finanziamento azionario da ulteriori perdite indicibili. Mentre difendeva Dirks, una Corte Suprema divisa prese quello che era stato uno standard relativamente semplice per l’insider trading e richiese che fosse fatto con la consapevolezza che la fonte originale violava un obbligo di riservatezza e sperimentava un guadagno personale.

Questa opinione ha generato decenni di contenzioso. Ancora nel 2015, la Corte d’Appello del Secondo Circuito degli Stati Uniti era ancora alle prese con il significato di “guadagno personale”.

«È probabilmente il caso più problematico nel canone della legge sull’insider trading», ha detto Jed S. Rakoff, un giudice federale del distretto meridionale di New York che è stato chiamato a interpretare l’opinione a volte frustrantemente ambigua.

La storia è stata più gentile con Dirks. «Era un eroe», ha detto il professor John C. Coffee Jr., esperto di insider trading e diritto dei titoli presso la Columbia Law School. Sarà ricordato come “il Woodward e Bernstein della frode aziendale”.

Offerte

  • Bristol Myers ha accettato un accordo da 14 miliardi di dollari per acquistare Karuna Therapeutics per incrementare il suo business di farmaci psichiatrici e neurologici. (WSJ)

  • Lo studio legale Paul Weiss ha firmato quest’anno il più grande contratto di locazione di uffici commerciali negli Stati Uniti, occupando più di 18 piani di un grattacielo di Midtown Manhattan. (FT)

  • Blue Origin, la start-up missilistica di Jeff Bezos, e il colosso del private equity Cerberus sarebbero tra gli offerenti per United Launch Alliance, un rivale di SpaceX. (WSJ)

Politica

  • Perché il co-fondatore di WhatsApp Jan Koum sostiene Nikki Haley come presidente. (Disco)

  • L’Angola ha detto che lascerà l’OPEC poiché le divisioni sulle quote di produzione hanno creato un’enorme spaccatura tra i membri più piccoli e l’Arabia Saudita, il leader de facto del cartello. (NYT)

Meglio del resto

  • I Los Angeles Dodgers hanno firmato un contratto da 325 milioni di dollari per il lanciatore free agent Yoshinobu Yamamoto. (L’Atletico)

  • Ozy Media ha citato in giudizio Buzzfeed e Semafor e il suo co-fondatore Ben Smith, accusandoli di aver rubato segreti commerciali dal defunto media. (Varietà)

Ci piacerebbe il tuo feedback! Si prega di inviare pensieri e suggerimenti via e-mail a dealbook@nytimes.com.